Bruce lee

Il Jeet Kune Do è un’arte del combattimento ideata da Bruce Lee. All’età di 13 anni, iniziò a praticare il Wing Chun dal maestro Yip Man, in quel periodo scoprì la sua passione per le arti marziali.

Lee si trasferì a San Francisco nel ’59, quando iniziò a interessarsi anche ad altre arti marziali oltre al Wing Chun. 

Studiò diversi modi di combattere, focalizzandosi sul pugilato. Nonostante provenisse da una formazione orientale, Lee scelse di   appoggiarsi anche alle arti marziali occidentali.

Avendo imparato uno stile di combattimento che sfruttava i colpi da breve o brevissima distanza, Lee risultava  impreparato nel combattimento a lunga e media distanza. Poiché il Wing Chun non prevede combattimenti a lunga distanza, si sarebbe trovato spiazzato contro un avversario che combattesse in questo modo: così approfondì anche questo tipo di combattimento.

Riteneva che un buon artista marziale dovesse essere completo: era, quindi, indispensabile saper tirare calci da lontano e da vicino, pugni alti e bassi. 

Cominciò ad allenarsi modificando il Wing Chun classico che conosceva:  modificò la posizione di guardia, e aggiunse una distanza lunga di tecniche di calci che derivava da studi sugli stili di kung fu del nord. 

Lee approfondì anche le sue conoscenze scientifiche: chinesiologia, fisiologia, dietistica.

Pencak Silat

KALI

Kali, il termine oggi più popolare, si deve all’enorme opera di diffusione fatta in tutto il mondo dal maestro Dan Inosanto, e significa “corpo in movimento”. In realtà si tratta di un’arte guerriera specializzata nell’uso delle armi bianche (bastoni e lame di vario tipo), dalle quali vengono estrapolate efficaci tecniche di combattimento anche a mani nude.
Le tecniche a mani nude per disarmare un avversario armato di bastone o coltello raggiungono con il Kali una specializzazione che difficilmente si trova in altre discipline. Questo è uno dei motivi che ha portato il Kali ad essere incluso tra i sistemi di combattimento studiati nei programmi “hand to hand combat” dei corpi speciali militari (Navy Seals, Marines, Rangers), così come nelle tecniche operative di polizia (SWAT Team) e agenzie federali (FBI).

Silat

SILAT

Il Silat è un’arte marziale originaria del Sud Est Asiatico, in particolare degli stati dell’Indonesia e della Malaysia, ma è praticato anche a Singapore, nel sud del Vietnam, nel Brunei e nella parte sud della Thailandia. In Indonesia è chiamato Pentjak Silat o Pencak Silat, mentre nella Malesia ha il nome di Silat Melayu.

Il Silat prende ispirazione osservando la natura. Sono infatti molti gli stili e le tecniche esistenti in questa disciplina che si ispirano agli animali, osservando i comportamenti di difesa di questi ultimi e sfruttandone la potenza applicandola al combattimento. Tra le più conosciute “la tigre”, “il coccodrillo”, “il gatto”, “il gallo”, “l’aquila”, “la torpedine”, quella del ‘maiale’ e molti altri.

Diverse tecniche sono state prese in considerazione da molti esperti di sistemi di combattimento moderni e di difesa personale, ed è spesso appreso insieme al kali filippino.

Join over a million people

COPYRIGHT JEETKUNEDOKALISILAT.IT   2020 – © ALL RIGHTS RESERVED

Privacy Policy | Cookie Policy

DESIGNED BY WEB WITH STYLE